Menu sport


UMBERTIDE-TRESTINA VOLLEY 3-1

(25-19, 22-25, 25-15, 25-12)

 

PLAY-OFF PIU’ DISTANTI – Umbertide vince il derby per 3-1, il Trestina si lecca le ferite. In una gara dove le ragazze di Coach Giampaolo Rossi prima partono così, così, poi raddrizzano il tiro e si rimettono nei giusti binari, ma nel finale sono le umbertidesi ad allungare, ottenendo l’intera posta in palio. Nel primo set, infatti, le trestinesi soffrono sia gli attacchi delle padroni di casa ed il parziale si conclude sul 25 a 19. Segue un secondo set giocato punto su punto, con la bella reazione del Trestina che non delude e reagisce portandosi sul 22 a 25. Il match a questo punto è sull’uno pari e si sta giocando sul filo del rasoio, ma gli ultimi due set tornare ad essere appannaggio della compagine tiberina che s’impone rispettivamente 25 a 15 e 25 a 12.

MANCANO TRE FINALI – Ok, il ko c’è stato, ma è anche vero che il weekend precedente il Trestina Volley era riuscito a vincere contro la seconda forza del girone F di serie D. Le qualità ci sono in una squadra davvero molto giovane dal punto di vista anagrafico e con ampi margini di miglioramento. “Dispiace – esordisce così il timoniere Giampaolo Rossi – perdere una partita così sentita. Purtroppo non siamo riuscite a reagire quando nel terzo set, nel momento migliore delle nostre avversarie, la squadra ha ceduto un po’ dal punto di vista mentale. È un peccato perché in settimana avevamo lavorato molto bene ed avevo visto le ragazze molto motivate. C’era in ballo un obiettivo importante ed ora non ci resta che provare a vincerle tutte, a partire dalla prossima gara casalinga contro una formazione che in classifica si trova sotto di noi”.

ZERO PASSI FALSI – Nulla è perduto ma ovviamente si riducono le probabilità di centrare i play-off. Nonostante questo, bisogna crederci perché la squadra può battere chiunque sulla carta, anche avversarie blasonate o compagini con maggiore esperienza in un campionato come quello di serie D. “Dobbiamo continuare ad allenarci al meglio – spiega Coach Rossi – lavorando principalmente sulla componente psicologica. Certo, da ora in avanti non dipenderà solo da noi ma indirettamente anche dal cammino delle nostre avversarie. Per intendersi, il Trestina dovrà vincerle tutte e tre, mentre i nostri concorrenti diretti perdere almeno due gare. Non è impossibile, ma di certo la sconfitta del derby ha complicato un po’ le cose. Vogliamo però – conclude il tecnico trestinese – crederci fino alla fine e non mollare fino a quando la matematica non ci condanna”.

A cura di Antonio Palazzetti



Commenti


Informazioni

Email redazione: info@altoteveresport.it

Spoletosport

Folignosport